Aromi tabaccosi sintetici: perché e quando è meglio utilizzarli

Quando parliamo di aromi per sigarette elettroniche, in base alla tipologia possiamo distinguere 4 tipi di aromi: aromi Tabaccosi, aromi Fruttati, aromi Cremosi ed aromi Mentolati. Per quanto concerne gli aromi tabaccosi per lo svapo, essi possono essere distinti in 2 gruppi:

  • aromi tabaccosi sintetici
  • aromi tabaccosi organici

Lo scopo del seguente articolo sarà quello di spiegare che cosa siano gli aromi tabaccosi sintetici e che cosa implica il loro utilizzo.

Perché vengono chiamati aromi tabaccosi sintetici?

Gli aromi tabaccosi sintetici sono semplicemente degli aromi ottenuti in laboratorio, in cui si creano le molecole aromatiche che riprodurranno il gusto del tabacco. In commercio vi sono diversi tipi di aromi al tabacco sintetici, i quali posso semplicemente riprodurre il gusto del tabacco, ma vi sono anche tanti altri che propongono il tabacco miscelato ad altri ingredienti, come ad esempio il Tabacco miscelato ad una componente fruttata o cremosa.

Cosa cambia utilizzando un tabaccoso sintetico?

Un grande vantaggio legato all’impiego degli aromi tabaccosi sintetici, è sicuramente una minor usura delle coil rispetto agli aromi organici. Questo fattore li rende particolarmente adatti a quelle persone che usano atomizzatori entry level, atomizzatori non rigenerabili, o comunque è l’ideale per quelli che non vogliono cambiare la resistenza ogni giorno (o quasi), cosa che accade con gli aromi organici. Se da un lato l’aroma al tabacco sintetico presenta il vantaggio di avere una scarsa usura della resistenza, dall’altro bisogna considerare che il sapore di tabacco è sicuramente meno fedele rispetto ad un aroma tabaccoso organico. Con questo non voglio dire che i tabaccosi sintetici non siano buoni, anche perché in commercio vi sono tanti quegli aromi tabaccosi sintetici da poter soddisfare tutti i gusti. Sostengo semplicemente che il sapore di tabacco che si ottiene da un tabacco organico è molto più fedele rispetto ad un aroma al tabacco sintetico.

Quindi se siete dei cultori dei tabacchi puri e crudi, cercate la fedeltà del sapore e non avete problemi a cambiare giornalmente la resistenza, gli aromi al tabacco organico fanno per voi. Se invece non siete degli estimatori dei tabacchi puri e crudi, preferite invece dei tabaccosi che presentino note cremose o fruttate, oppure non avete voglia di cambiare giornalmente la resistenza, i tabacchi sintetici fanno al caso vostro. Relativamente al periodo di maturazione, si osserva che i sintetici rispetto agli organici necessitano di periodo di maturazione più lunga.

Il lasso di tempo ottimale per la maturazione di un tabaccoso sintetico non è fissa, si può andare da una settimana fino a qualche mese nei casi più estremi, tutto dipende dall’aroma che abbiamo.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *