Smetti di fumare: Novembre è il mese giusto!

#MoisSansTabac – è l’hashtag lanciato dalla campagna istituzionale francese che per la prima volta contempla l’uso delle e-cig per smettere di fumare e si avvale di collaborazioni con le associazioni attive del settore vaping.

Novembre è il mese scelto dai cittadini d’Oltralpe per convincere i fumatori a rinunciare alle sigarette per almeno 30 giorni.

Dopo questo lasso di tempo, si spiega nella clip che introduce la campagna, si sentono appieno i benefici di una vita senza fumo. Si respira meglio, si hanno maggiori energie, si ha qualche soldo in più nel portafoglio e, soprattutto, si quintuplicano le possibilità di uscire definitivamente dal vizio del fumo.

La campagna francese segue le orme dell’inglese #Stoptober

#Stoptober è la campagna anti-tabacco promossa ormai da 3 anni dalla Public Health England (in Gran Bretagna)

La Public Health England – ormai da tre anni a questa parte – sfrutta tutti i mezzi a sua disposizione come Social Media, Blog, YouTube e testate giornalistiche per promuovere l’utilizzo delle sigarette elettroniche come utile strumento per la riduzione dei danni causati dal fumo.

Da questo 1 Novembre 2018 –  in Francia – è possibile aderire al programma dell’iniziativa #MoisSansTabac attraverso un sito internet, mentre una pagina su Facebook consente di condividere la propria esperienza e di ricevere consigli e sostegno.

Una applicazione da scaricare gratuitamente sul proprio telefono, inoltre, permette di fruire di un programma personalizzato, dei consigli di tabaccologi e di video motivazionali, oltre che di monitorare quotidianamente i benefici della cessazione sulla propria salute e sulle proprie finanze.

Secondo l’ultimo studio dell’Alto consiglio di salute pubblica

La sigaretta elettronica può costituire un aiuto per la cessazione o la riduzione del consumo di tabacco.  Se smettete completamente di fumare, utilizzando una sigaretta elettronica contenente nicotina, riducete i rischi di sviluppare malattie gravi, come il cancro

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *